La legge di Bilancio 2018 ha ampliato la possibilità di cedere il credito da detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica a favore dei fornitori di beni/servizi che hanno realizzato gli interventi o altri soggetti privati, eccetto le banche e gli intermediari finanziari (possono cedere il credito a questi ultimi soltanto i contribuenti che ricadono nella “no tax area”). Si ricorda che tali detrazioni dovrebbero essere prorogate anche per tutto il 2019 e che dovrebbe essere emanato un provvedimento per chiarire le modalità di cessione del credito.
L'ampliamento di tale possibilità riguarda sia le singole unità immobiliari, sia l'immobile oggetto di ristrutturazione, che non è più solo il condominio (ossia la possibilità di cessione solo da parte dei condòmini per gli interventi sulle parti comuni).

La possibilità di cedere il credito riguarda tutti i contribuenti che sostengono le spese, perciò teoricamente beneficiari della detrazione (circ. Ag. Entrate 11/E/2018), anche se non potrebbero fruire dell'imposta, per esempio perché l'imposta lorda è azzerata già da altre detrazioni o non dovuta. A loro volta anche i cessionari del credito possono cederlo. Per quanto riguarda i cessionari, viene stabilito che possono essere:
- fornitori dei beni/servizi per la realizzazione dell'intervento stesso;
- altri soggetti privati: persone fisiche, lavoratori autonomi, società, enti, sempre che siano collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione.
A titolo esemplificativo, per “collegamento” si intende la cessione della detrazione ad altri condòmini per i medesimi interventi, oppure nel caso di lavori per un gruppo societario, ad altre società del gruppo. È stato recentemente chiarito che non sussiste collegamento tra padre e figlio, ossia il padre non può cedere il credito della detrazione da riqualificazione energetica al figlio in virtù soltanto della relazione parentale, non essendoci alcun collegamento con il rapporto che ha dato origine alla detrazione.
È cedibile anche il credito da detrazione per interventi finalizzati all'adozione di misure anti-sismiche o sisma-bonus (così come previsto esplicitamente dall'art.16, c. 1-quinquies D.L. 63/2013) sulle parti comuni di edifici ed è possibile cedere il credito degli interventi realizzati nei Comuni a rischio sismico 1eseguiti da imprese di costruzione/ristrutturazione che entro 18 mesi dalla conclusione dei lavori vendano gli immobili.
Infine, si ricorda che non possono fruire delle detrazioni da riqualificazione energetica, quindi nemmeno cedere il credito, le cosiddette immobiliari di gestione, in quanto la ratio della norma è promuovere il miglioramento delle prestazioni energetiche di edifici esistenti in favore degli effettivi utilizzatori degli immobili, non di chi ne fa commercio, per i quali tali immobili vengono infatti considerati “immobili merce”, non "immobili strumentali” come prevede la norma.


Cerca

I FEED DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

Agenzia delle Entrate

15 Dicembre 2018

Agenziaentrate.it: ultimi aggiornamenti
  • Interpello n. 108 del 2018
    Articolo 83 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Imputazione temporale indennizzo risoluzione contratto
  • Interpello n. 107 del 2018
    Articoli 9, 54 e 171 del TUIR di cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Regime fiscale applicabile alla trasformazione dell’associazione professionale in società tra professionisti S.a.s.
  • Risoluzione n. 87 del 13 dicembre 2018
    Istituzione del codice tributo per l’utilizzo, tramite modello F24, del credito d’imposta a favore degli esercenti di attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati – TAX CREDIT LIBRERIE – art. 1, commi da 319 a 321, della legge 27 dicembre 2017, n. 205
  • Interpello n. 106 del 2018
    Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Definizione di intermediari finanziari ai fini IRES e IRAP e dell’aliquota addizionale di cui all’art. 33 del d.l. n. 78 del 2010
  • Provvedimento del 12 dicembre 2018
    Modalità e termini di fruizione del credito d’imposta di cui all’articolo 1, comma 319, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, a favore degli esercenti di attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati ai sensi del decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze 23 aprile 2018

RICORDO

Ciao Chiara! Ci hai lasciati soli sulla terra ma ci accompagnerà -per sempre- il tuo vivido spirito! E la tua stella illuminerà  il nostro cammino futuro. Ti vogliamo bene!

 

Buongiorno, oggi è

LA NOSTRA NEWSLETTER

CHI E' ONL-LINE?

Abbiamo 1183 visitatori e nessun utente online

I NOSTRI SERVIZI

Al fine di agevolare le vostre esigenze, le vostre aspettative, le vostre necessità, proponiamo un elenco dei servizi gestiti dalla nostra struttura. Potrete facilmente contattarci per avere delucidazioni, incontri e preventivi che potranno essere utili alla vostra attività per il disbrigo delle procedure amministrative, fiscali e gestionali. In particolare:

  • ci rivolgiamo ad ogni tipo di impresa, sia esercitata in forma sia societaria che individuale
  • assistiamo l'imprenditore fin dalla costituzione della propria attività e lungo la sua vita
  • gli forniamo ogni tipo di consulenza in materia fiscale ed amministrativa
  • elaboriamo ogni tipo di contabilità, ordinaria, semplificata e forfettaria
  • collaboriamo ed assistiamo l'imprenditore nelle problematiche inerenti la Fatturazione Elettronica di prossima introduzione
  • elaboriamo dichiarazioni dei redditi competenti per la tipologia d'impresa, inclusi i modelli 730
  • assistiamo l'imprenditore nelle vertenze con l'amministrazione finanziaria (contenzioso tributario)
  • disponiamo di una rete operativa che potrà intervenire per eventuali casistiche particolari
  • disponiamo di strutture atte ad assistere l'imprenditore nella gestione delle pratiche lavoristiche

E siamo a vostra disposizione per eventuali specifiche esigenze vorrete manifestare, scivendoci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LE NOSTRE CIRCOLARI (grazie al contributo dei terzi indicati)

MANOVVRA 2018. LA CIRCOLARE SULLA LEGGE DI BILANCIO

Con la presente circolare si cerca di illustrare alcuni tra i più significativi provvedimenti assunti dal Governo in materia fiscale nel corpo della cd. "legge di Bilancio" riguardante la Manovra 2018 sui conti pubblici. Le sopra riportate informazioni, sono tratte liberamente dal provvedimento normativo. Eventuali interpretazioni saranno a cura del lettore cui spetterà di valutare l’effettiva applicabilità alla propria casistica personale, senza che ciò possa comportare responsabilità alcuna da parte dell’estensore.

DISCLAIMER

Copyright © 2014 quotidiano tributario.it Tutti i diritti sono riservati. Aggiornamenti a cura di Pino Fasulo - Powered by Joomla! ver. 3.7. - validato XHTML e CSS! L'amministratore declina ogni responsabilità sull'uso improprio delle informazioni pubblicate e sulla loro utilizzazione previa adeguata verifica.